Ancora lamentele su Tripadvisor.

leggi l’articolo completo...
Per la prima volta in assoluto, è TripAdvisor a sputare veleno sulla Kwikchex, l’azienda inglese che sembra aver fatto della lotta alle “fake reviews” e a TripAdvisor stesso la propria ragion d’essere.

Dopo le ultime provocazioni, TripAdvisor, oltre ad aver come sempre difeso il valore dei propri contenuti e il suo impegno per controllare le recensioni, si è scagliata con durezza contro la Kwikchex, affermando che l’azienda avrebbe “chiari interessi commerciali nel minare la fiducia nei confronti delle piattaforme di contenuti generati dagli utenti.”

La Kwikchex lancia un rating system per i siti di recensione

Come ricorderete, in febbraio l’ASA (l’Advertising Standard Authority inglese), su indicazione della Kwikchex, si era pronunciata contro TripAdvisor, imponendo al sito di rimuovere qualsivoglia riferimento a recensioni oneste o veritiere perché non in grado di provarlo (vedi articolo TripAdvisor: le Autorità lo condannano, gli utenti lo amano). Ma la battaglia non si è chiusa qui.

Solo qualche giorno fa, la Kwikchex ha deciso di lanciare un nuovo sistema di rating per recensire a sua volta i siti di recensioni.

Sul blog ufficiale dell’azienda è stata pubblicata una tabella dove sono riassunti i criteri in base ai quali saranno classificati i siti dove compaiono recensioni di hotel. A prima vista, più che una cosa seria sembra una sfida al sistema, una provocazione, quasi a voler mettere in guardia i siti come TripAdvisor: “Fate attenzione, anche voi potreste essere giudicati e perdere la credibilità come gli stessi hotel che voi recensite.”

Sul blog è stato scritto: “In risposta alle lamentele globali riguardo all’affidabilità delle recensioni online e alla diffusione delle recensioni fraudolenti, la Kwikchex ha creato un sistema di rating a 5 livelli e lo applicherà ai vari siti di recensioni. Stiamo contattando i proprietari dei siti di recensioni per avvisarli dei rating iniziali che daremo loro. Presto daremo maggiori dettagli”.

A questo segue la tabella in cui sono indicati i livelli di affidabilità:

Se vi state chiedendo chi, secondo la Kwikchex abbia ottenuto il miglior punteggio, pare che provvisoriamente Booking.com abbia ottenuto 5 stelle, TripAdvisor e Yelp 2 stelle e infine Google solo 1 stella.

Certo è legittimo poter dare un’opinione sulla qualità dei siti che raccolgono recensioni, ma molti si chiedono che diritto abbia di essere la Kwikchex a farlo. Come azienda che si occupa di monitoraggio e gestione di brand reputation online, la  sua posizione non è certamente la migliore per dare opinioni disinteressate.

Come sostiene l’esperto di turismo Dennis Schaal: “L’idea è molto interessante, ma preferirei che venisse da un ente con un qualche sembiante di neutralità, perché la Kwikchex affronta il problema da un’ottica di parte ed è molto coinvolta nella questione.”

A seguito di questa iniziativa e dell’ennesima stoccata da parte della Kwikchex, TripAdvisor ha dunque attaccato pubblicamente la mancanza di neutralità dell’azienda, affermando: “Non ci sorprende che i criteri stabiliti favoriscano totalmente l’azienda che li ha pubblicati e i servizi correlati che l’azienda offre.”

Sul blog Tnooz, è intervenuto lo stesso fondatore di Kwikchex Chris Emmings, promettendo che presto tutti i risultati saranno presto resi pubblici e che i criteri sono per il momento ancora da verificare e correggere.

E voi che cosa ne pensate? Conflitto di interessi a parte, ritenete che un sistema di classificazione e rating dei siti di recensioni possa essere un bene per il mercato?

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s