Statistiche italiani in vacanza 2010.

http://www.tourmarketing.it/web-travel-marketing/italiani-in-vacanza-2010

Le valutazioni teniamole alla fine: questi dati vengono dall’ Istat. (fonte: Repubblica)

Nel 2010 i viaggi con pernottamento effettuati dai residenti in italia sono stati 99 milioni e 997 mila, per un totale di 626 milioni e 947 mila notti. Rispetto al 2009 c’è forte diminuzione del numero di viaggi (-12,4%) e del numero di pernottamenti (-7,8%). In particolare, i viaggi di vacanza, che pesano per l’87,4% sul totale, mostrano una flessione (-11,4%) dovuta alla consistente diminuzione delle vacanze brevi (-18,7%), confermando la dinamica già segnalata nel 2009. Tale effetto si manifesta con maggiore intensità nel 2010, registrando anche un decremento nel numero di pernottamenti per vacanza breve (-18%), sovrapponibile a quello delle stesse vacanze. I soggiorni di vacanza lunga (di almeno 4 notti) e i pernottamenti per vacanza lunga, invece, si mantengono sostanzialmente stabili.

Un altro segnale della forte stretta sui beni “non di prima necessità” arriva dai dati sui viaggi per motivi di lavoro, che costituiscono il 12,6% del totale, ma subiscono una diminuzione anche superiore rispetto alle vacanze di piacere (-18,4%), accompagnata dal calo del relativo numero di pernottamenti (-29%). Altro dato, in qualche modo complementare al calo delle vacanze brevi: scende la media italiani in vacanza in un trimestre su totale della popolazione: dal 28 per cento al 27. Fenomeno in calo soprattutto al Centro: nel 2010 quasi un abitante di Toscana, Umbria, Marche, Lazio, Abruzzo e Molise su 3 (32 per cento) andava in vacanza una volta in un singolo trimestre, ora siamo al 30,4 per cento.

Ok, ora guardiamo l’analisi delle mete:

Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Toscana e Veneto sono sempre le regioni più visitate dagli italiani nel loro insieme, raccolgono oltre la metà degli spostamenti, l’Emilia supera il 10 per cento. Sono le mete più frequentate sia per svago che per lavoro, anche se d’estate lasciano spazio a regioni a vocazione balneare, come Calabria, Puglia, Sicilia e Sardegna, che non a caso sono le leader del periodo estivo e comandano anche la classifica tra le regioni preferite per le vacanze lunghe. Nello stesso periodo, l’Emilia Romagna mantiene prevedibilmente la leadership tra le regioni centrosettentrionali, precedendo Toscana e Trentino Alto Adige.

Tra chi sceglie l’estero, l’80 per cento opta per una destinazione europea. Quota che scende al 72,9 per cento limitando l’analisi alle vacanze lunghe, di oltre 4 notti. Per la prima volta, la Francia non è più la nazione estera più visitata dagli italiani: cede infatti il posto alla Spagna, che attira il 15,1 per cento delle preferenze contro il 14,1 del Paese di Parigi e champagne. Seguono Regno Unito (7,8 per cento), Croazia e Germania. Nella classifica delle destinazioni preferite per soli viaggi di piacere, la Spagna precede ancora la Francia (15,6 per cento) contro 14,3, mentre la Croazia scavalca il Regno Unito. Fuori Europa nel 2010 l’Egitto è stata la meta più battuta (5,2 per cento dei viaggi all’estero), davanti al Magreb (Tunisia, Marocco e Algeria).

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s