Ritorno al passato.

Ritornano le vecchie abitudini dei triestini, cioè quelle di fare spesa e rifornimento di carburante in Slovenia. Con grande sconforto dei commercianti locali. Leggiamo dal Piccolo, quotidiano locale:

Chiamatelo ritorno al passato, specchio della crisi o come volete. Di fatto il ritorno per alcune necessità basiche nell’ex Jugoslavia, ora meglio nota come repubblica di Slovenia, è un dato assodato. Lo shopping ormai è esteso e va a centrare tutti i settori, con quello alimentare in prima linea. Ma in tale contesto è innegabile che quello dell’approvvigionamento della benzina è di sicuro il bisogno primario, complici un calmieramento cui l’ormai inadeguato sconto regionale non sembra poter più far fronte e la folle impennata dei prezzi in Italia. E intanto il mercato triestino sta collassando.
La scomparsa della benzina agevolata prima, i lunghi silenzi regionali poi, stimolati anche dal pugno di ferro di Bruxelles, che praticamente non ha ancora avviato procedure di infrazione solo per i ”saldi”, hanno messo nell’angolo i distributori di carburante triestini. Costretti, da un lato, ai continui ritocchi di prezzo imposti dalle case madri e strozzati dall’altro dai finti sconti di Mamma Regione.

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s