Crocieristica a Trieste.

48.jpgSaranno quasi 4 milioni i crocieristi che nel 2007 si imbarcheranno nei porti europei. Ma quelli che li visiteranno, scendendo dalle navi bianche, supereranno i 17 milioni. È un grosso boom che sta interessando il comparto crocieristico, con un volume di traffico cresciuto in dieci anni in Europa del 230 per cento e che vede l’Italia come Paese principale beneficiario del ritorno economico. Trieste, dove già nel 2006 ha approdato la Costa che fa parte del colosso mondiale della Carnival corporation, con una delle sue navi  la Marina che porta mille passeggeri e che però ha riscontrato un buon successo, tenterà in modo più sostanzioso quest’anno di assestarsi tra gli scali destinati a crescere. Tra questi anche Trieste.  Da settembre oltre alla Costa Marina, giungerà la Msc Opera, nave da 1.700 passeggeri. Lo sbarco in città fa capire come Trieste cominci a risultare appetibile come home port, oltre che come semplice scalo crocieristico. L’anno scorso i crocieristi scesi a Trieste sono stati 50 mila. Avrebbero dovuto essere 65 mila, ma a causa della scelta della Emerald, che due lunedì al mese sbarcava 800 turisti, di trasferirsi a Capodistria, questa quota sarà raggiunta appena nel 2007. Un numero ancora, come si nota in una statistica con la classifica complessiva di sbarchi e visite nei principali porti italiani.

Leave a Reply

Please log in using one of these methods to post your comment:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s